Posta internae-mail

Novembre 18, 2017
Sabato, 29 Luglio 2017 08:02

Acli Oggi 11/2017 - La newsletter delle Acli del 28-07-17 In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Image
 

Viaggio nel cuore dell'Italia

la presidenza delle Acli nei luoghi del terremoto

 

Il 27 luglio 2017 la presidenza nazionale delle Acli ha visitato alcuni Comuni del Centro Italia colpiti dal terremoto, riunendosi poi ad Ascoli Piceno per una seduta straordinaria aperta a giornalisti e volontari.

Il viaggio ha preso le mosse proprio da Roma, in via Marcora, sede nazionale delle Acli, da dove è partito un pulmino che è stato poi donato alle Acli di Ascoli Piceno

Il mezzo verrà utilizzato per la mobilità all’interno del cratere sismico e faciliterà la partecipazione dei ragazzi alle attività del doposcuola.

La prima tappa del tour è stata proprio Ascoli Piceno, dove la presidenza nazionale si è riunita presentando alcuni progetti che coinvolgeranno la Regione Marche.
Anche la seconda tappa è stata in provincia di Ascoli Piceno, con la visita ai circoli Acli di Castel Trosino e Paggese, una frazione di Acquasanta Terme.
La terza ed ultima tappa ha visto la comitiva delle Acli impegnata nel Lazio, nei comuni di Accumuli e Amatrice, dove nei prossimi mesi partirà un progetto di telesoccorso e teleassistenza.  

Image

Dallo scorso anno, sono tante le iniziative che le Acli hanno intrapreso per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto, esperienze che sono state raccolte qui.  In questo viaggio, abbiamo incontrato persone, incrociato sguardi, ascoltato racconti e desideri di non arrendersi. Per una volta, teniamo tutto per noi. Per non dimenticare.

Se volete, qui c’è un racconto video della giornata

 
 
Image

 

 

 

Giovanni Bianchi

il ricordo commosso delle Acli

 

Dopo una breve malattia, il 24 luglio Giovanni Bianchi è tornato alla casa del Padre.

Politico, fondatore del Partito popolare italiano ed ex presidente delle Acli, le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani, Giovanni Bianchi è stato uomo di cultura, intellettuale squisito e appassionato, filosofo e poeta.

“Con Giovanni Bianchi se ne va un grande uomo e un grande presidente delle Acli – afferma Roberto Rossini, presidente nazionale delle Acli -. Un uomo che, nonostante i numerosi e importantissimi incarichi a livello politico nazionale, è rimasto sempre attaccato alla nostra associazione. Era con noi anche nell’ultimo incontro di spiritualità delle Acli a Bose. Con lui, se ne va un amico e una guida”.

Giovanni Bianchi era nato a Sesto San Giovanni il 19 agosto del 1939 e si era laureato in Scienze Politiche presso l’Università Cattolica di Miano. Dopo aver ricoperto importanti incarichi nelle Acli a livello regionale succede a Domenico Rosati come presidente nazionale dal 31 maggio 1987 al febbraio 1994.

La sua ricca esperienza nelle Acli lombarde gli consente di approfondire “il solco e la radice” delle Acli: il cattolicesimo sociale e politico. Di qui il suo richiamo all’esperienza di Luigi Sturzo e alla spiritualità di Giuseppe Dossetti.

Se durante la Presidenza di Rosati le Acli erano pervenute alla consapevolezza del “cambio d’epoca”, con Bianchi si afferma esplicitamente la necessità di aprire una “nuova fase costituente” per il Paese. 

Image

Le esequie si sono svolte il 25 luglio con la toccante omelia di don Virginio Colmegna.

Sul nostro sito abbiamo pubblicato una sezione dedicata alla sua memoria, con tutti i messaggi di cordoglio e gli omaggi della politica del mondo sociale

 
 
Email inviata con   Logo
 |  Invia a un amico
 

Letto 166 volte Ultima modifica il Sabato, 29 Luglio 2017 12:06