Posta internae-mail

Aprile 22, 2018
Venerdì, 30 Marzo 2018 18:47

Ecco il piano per il reddito di (debole) cittadinanza In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Per il momento c’è lui, il Rei, il reddito di inclusione. È rivolto ai cittadini più deboli, quelli che non superano una certa soglia di reddito. È entrato in vigore il primo dicembre e l’Inps pubblica ora dei dati per dirci che sta andando bene. Questa non sarebbe, in realtà, una “buona notizia”, perché significa che la povertà è molta e – come al solito – è mal distribuita. Nel sud Italia il Rei è richiesto quattro volte più del Nord Italia.

Contemporaneamente la Rete della protezione e dell’inclusione sociale ha approvato un Piano per gli interventi e i servizi di contrasto alla povertà. Il Piano utilizza la parte del Fondo povertà dedicata al rafforzamento dei servizi del welfare territoriale per chi gode del Rei.

Siccome il Rei non è solo un trasferimento di soldi ma anche un beneficio di servizi territoriali, allora si prevedono dei progetti personalizzati affinché la persona possa pian piano affrancarsi dalle condizioni di bisogno. E anche qui la disomogeneità tra il nord e il sud avrà qualche effetto sull’offerta dei servizi.

Conclusione. Nell’attesa del reddito di cittadinanza, il reddito di inclusione è già un elemento sul quale lavorare per implementare la platea degli aventi diritto, ovvero i poveri assoluti. Altro ragionamento si dovrebbe fare rispetto ai cosiddetti poveri relativi, cioè quelli più fragili, quelli che rischiano di entrare in condizioni di povertà: basterà una qualche forma di reddito a loro tutela o serviranno delle serie e innovative politiche del lavoro per favorire la loro autonomia?

Se sulla povertà assoluta si è al momento arrivati a una risposta chiara, sulla povertà relativa il dibattito rimane aperto. Intanto la strada del Rei è aperta varrebbe la pena percorrerla per qualche anno. È una misura per i più deboli, ma non è uno strumento debole.

Fonte: Huffington Post

Letto 245 volte Ultima modifica il Venerdì, 30 Marzo 2018 19:23